Recioto della Valpolicella

Dopo aver rappresentato dal 1968 al 2010 una delle storiche zone DOC venete, il Recioto della Valpolicella ha finalmente ottenuto la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. La nuova denominazione ne prevede la produzione in forma tranquilla, anche designabile come classico o Valpantena, o spumante anche designabile come Valpantena, e la zona di produzione si trova nella fascia nord della provincia di Verona coinvolgendo 19 comuni dal territorio collinare o semicollinare.

Le uve che concorrono a formare questo vino prestigioso sono la Corvina veronese (anche Cruina o Corvina) in proporzione dal 45% al 95%, con la possibilità di sostituire fino al 50% della quantità col Corvinone, e la Rondinella dal 5% al 30%. È possibile integrare altri vitigni fino a un massimo del 25%, includendo uve a bacca rossa aromatiche della provincia di Verona e altre autoctone italiane. I vigneti non possono essere piantati su terreni freschi, in pianura o nei fondovalle e le spalliere delle viti devono essere esclusivamente a pergola veronese inclinata mono- o bilaterale, con un minimo di 3300 ceppi per ettaro, riducibili in caso di terrazzamenti stretti in zona collinare e senza l'impiego di pratiche di forzatura.

vigne recioto

Il Recioto della Valpolicella si caratterizza per la cernita delle uve in vigneto, secondo cui si mettono a riposo uve fino a un massimo del 65% della produzione massima ammessa di 12 tonnellate per ettaro com'è prassi per le DOCG, il tutto per ottenere un titolo alcolico naturale non inferiore a 11% vol., che dopo l'appassimento diventerà almeno del 14% vol. I quantitativi rimanenti potranno così concorrere a dare il Valpolicella o il Valpolicella Ripasso.

Questo complesso procedimento che codifica una procedura tradizionale permetterà di ottenere un vino dal colore rosso carico, con occasionali riflessi violacei o granata se invecchiato, e un odore caratteristico e accentuato. Dal sapore pieno, vellutato, carico e dolce, con spuma fine e persistente nel caso dello spumante, dopo un paio di anni di invecchiamento è il vino perfetto per accompagnare dolci in genere, specialmente al cioccolato e a pasta secca, ma senza dubbio il suo perfetto complemento è il pandoro di Verona.

Link
Consorzio Vini Valpolicella  

 

Condividi: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus
Feedback su questo contenuto
vota
5.0 media
(1 voti)
English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)
Itinerari consigliati
Valeggio sul Mincio - Castello Scaligero
Itinerario nella Bassa Veronese alla scoperta di storia e natura ...
my veneto logo
Il Tuo Viaggio
crea Itinerari personalizzati salva i Preferiti condividi Diari di viaggio

Media Center

Media Center
Il Veneto in foto, video, audioguide, webcam, brochures...