English (United States) français (France) Deutsch (Deutschland) italiano (Italia) español (España) português (Portugal) русский (Россия) 中文 (中国)

Dì che ti manda Picone

Tratto dal film di Nanni Loy del 1984.

Nel 1984 Nanni Loy gira la fortunata pellicola con Giancarlo Giannini e Lina Sastri, Mi manda Picone, che narra la storia di un operaio dell'Italsider di Bagnoli che per protesta, alla chiusura della fabbrica, si dà fuoco in tribunale davanti al figlio piccolo e alla moglie. Il mondo sotterraneo dell'uomo, fatto di camorra e mazzette, verrà portato a galla da Salvatore, un disoccupato che aiuterà la moglie dell'apparente innocente suicida a chiarire dei misteri.

Nella pièce teatrale ci si chiede che fine abbia fatto il bambino che assistette alla morte del padre. Elvio Porta, sceneggiatore insieme a Loy del film, ha scritto per il teatro uno spin-off che immagina dopo trentatré anni il figlio Antonio ormai adulto, disoccupato, sposato, forse futuro papà, esaurito e perseguitato da oscuri personaggi.

Il film di Loy vinse, all'epoca, tre David di Donatello (Miglior produttore a Gianni Minervini, Miglior attrice protagonista a Lina Sastri, Miglior attore protagonista a Giancarlo Giannini) e quattro Nastri d'Argento (Miglior produttore a Gianni Minervini, Miglior sceneggiatura a Nanni Loy e Elvio Porta, Miglior attrice protagonista a Lina Sastri, Miglior attore non protagonista a Leo Gullotta).

Con Biagio Izzo
e con Rocìo Munoz Morales
Regia Giuseppe Miale di Mauro
Scenografie: Luigi Ferrigno
Produzione
COMPAGNIA ENFITEATRO - MICHELE GENTILE

Picone

Info evento

Condividi: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus
my veneto logo
Il Tuo Viaggio
crea Itinerari personalizzati salva i Preferiti condividi Diari di viaggio

Media Center

Media Center
Il Veneto in foto, video, audioguide, webcam, brochures...